lunedì 23 gennaio 2017

Alessandro Di Battista (M5S) L'Italia una Repubblica fondata sulla precarietà


Nel 2016 sono stati venduti in Italia 134 milioni di voucher. I voucher sono i buoni-lavoro da 10 euro che stanno trasformando una Repubblica fondata - in teoria - sul lavoro nella Repubblica della precarietà. I poveri aumentano ogni giorni, qui da noi e nel mondo intero. In Italia, dati relativi al 2016, i primi 7 miliardari detengono una ricchezza superiore a quella del 30% più povero del Paese. Nel mondo 8 uomini, da soli, vantano quasi 430 miliardi di dollari di patrimonio personale, la stessa ricchezza in mano alla metà più povera del pianeta: 3,6 miliardi di persone. Queste sono le conseguenze del libero mercato che libero non è mai, della globalizzazione senza regole e del nuovo nemico: il capitalismo finanziario. Ogni giorno ascoltiamo storie drammatiche, i licenziamenti in Almaviva, decine di migliaia di giovani che fuggono, pensionati che campano con 440 euro al mese. Tra l'altro si assiste ad un fenomeno nuovo: i poveri che lavorano! Un tempo i poveri erano soprattutto i disoccupati, oggi, secondo un rapporto della Caritas, i “nuovi poveri” sono i giovani lavoratori. Ragazzi e ragazze che hanno studiato, che hanno faticato per trovare un lavoro, che escono di casa presto e tornano tardi e che rinunciano a una pizza con gli amici perché non possono permettersela. Non c'è altra soluzione al di fuori del reddito di cittadinanza! Vi prego, non collegatelo all'assistenzialismo, non è così. Si tratta di un diritto, perché molti lavori spariranno da qui a 10 anni e molti studenti si stanno preparando a lavori che, una volta laureati, forse non ci saranno più. E' il reddito che ti permette di stare dentro o ai margini di una società ed è il reddito di cittadinanza lo strumento per non dover cedere di fronte ai ricatti di datori di lavoro senza scrupoli. Io sto pensando ad ogni idea possibile e immaginabile per far passare questo tema, vi proporrò iniziative di vario tipo. Anche qualcosa mai fatto prima. Per stare insieme (ne abbiamo tutti un gran bisogno), per “alzarsi dal divano” e per portare avanti una battaglia di civiltà. A riveder le stelle!