giovedì 29 settembre 2016

Davide Casaleggio "Italia 5 Stelle" non sono qua a sostituire mio padre, sono qua a ricordarlo




"Non sono qua a sostituire mio padre, sono qua a ricordarlo. A onorarlo, a ricordare il suo sogno, un sogno che è diventato di milioni di italiani, a ricordare e portare avanti il suo progetto, un progetto di democrazia diretta che si chiama Rousseau e che ormai è partecipato da oltre centomila persone.
Un progetto che porteremo avanti tutti insieme.
Prima Alessandro e Luigi vi parlavano dell'Italia di oggi, di quante cose devono cambiare nell'Italia di oggi, di come i partiti e le lobby stiano tenendo distanti i cittadini dalle decisioni importanti, abbiano come obiettivo quello di prendere tutte le decisioni per sé e di isolare il cittadino. Noi vogliamo porre fine a tutto questo. Questo è il motivo del progetto di Rousseau, del progetto del MoVimento 5 Stelle: mettere il cittadino di nuovo al centro, permettere al cittadino di prendere le decisioni importanti, di scegliere.

Quando parlo del nostro progetto all'estero le persone rimangono affascinate, quando ne parlo in Italia a volte mi si dice "Beh, si poteva fare di più, si poteva fare meglio", ma poi penso: quale movimento al mondo ha permesso ai propri iscritti di scegliere tutti i propri rappresentanti nelle varie istituzioni e di riuscire anche a farli eleggere, 163 parlamentari, 17 parlamentari europei, oltre 2000 persone nelle istituzioni in Italia; quale movimento al mondo ha permesso ai propri iscritti di scegliere il nome del Presidente della Repubblica da proporre in Parlamento; quale movimento ha permesso ai propri iscritti di scegliere cosa far votare ai propri rappresentanti sul testamento biologico, sull'eutanasia, su temi importanti; quale movimento ha rinunciato a 42 milioni di euro di finanziamento pubblico per rispettare un referendum popolare, pur riuscendo a fare tutte le iniziative con microfinanziamenti di 30 euro, 20 euro; quale movimento al mondo si taglia gli stipendi per restituire questi soldi alla comunità, al fondo del microcredito per le PMI, o qua in Sicilia per la strada, la trazzera; a tutte queste domande io ho una sola risposta: ed è il MoVimento 5 Stelle.


Noi già oggi abbiamo fatto cose straordinarie, e ce lo dobbiamo dire; certo possiamo fare di più, possiamo fare meglio, e lo faremo nelle prossime settimane, nei prossimi mesi.
Inizieremo dal mettere online nuovi corsi dell'e-learning, permetteremo ai vari consiglieri comunali di scambiarsi gli atti direttamente online; permetteremo agli iscritti di definire il programma di governo del MoVimento 5 Stelle e inizieremo già nelle prossime settimane con quello dell'energia.
Noi dobbiamo vivere questo sogno fino in fondo, un sogno che una volta era di mio padre e ora è di milioni di italiani, è di tutti noi.
Dobbiamo farci custodi di questo progetto, dobbiamo restare uniti, uniti realizzeremo il nostro sogno.
(Davide Casaleggio)

A Livorno il Sindaco (M5S) Nogarin fa il riordino degli alloggi comunali




I furbetti delle case popolari hanno le ore contate. 
Troppe persone hanno bisogno di un tetto sopra la testa a Livorno ma troppe persone continuano ad occupare alloggi senza averne diritto. 
Abbiamo iniziato una ricognizione delle morosità e scoperto casi eclatanti. 
C'è una persona che beneficia di un alloggio erp pur avendo un reddito annuo di 189 mila euro. Come sia possibile non me lo spiego. Forse qualcuno per troppi anni ha chiuso non uno ma due occhi.
C'è di peggio: questa stessa persona da 10 mesi non paga l'affitto per questa casa e ha accumulato oltre 3mila euro di debiti con Casalp.

Non si tratta, purtroppo di un caso isolato: abbiamo individuato anche una persona che, con 71 mila euro di reddito, non paga l'affitto da 70 mesi.
E un'altra che con 30 mila euro l'anno di entrate non paga da 144 mesi. Significa 14 anni. E nessuno ha mai fatto niente.
Intanto chi ha davvero bisogno passa le notti all'aperto.
Una vergogna che non possiamo accettare.


(Filippo Nogarin Sindaco M5S di Livorno)

Le nuove date del Tour di Alessandro Di Battista in difesa della Costituzione



Ci vogliono far credere che il futuro dell'Italia dipenda dalla “governabilità”. Come a dire, «se non sono state fatte le cose per bene è perché abbiamo governi deboli». Ma queste sono menzogne stomachevoli! Vi prego riflettiamoci insieme. Il problema in Italia non sono soltanto le leggi che non hanno fatto (conflitto di interessi, anti-corruzione, reddito di cittadinanza) e se non le hanno fatte non è certo per colpa dei governi deboli. Il problema sono le leggi di merda che sono state fatte! La Buona Scuola l'hanno fatta, il JobsAct l'hanno fatto, lo Sblocca Italia anche, per non parlare poi della Legge Fornero. E sapete perché il Parlamento approva leggi così indecenti? Perché non risponde più ai cittadini. Il punto è questo! Prima con il Porcellum, poi con l'Italicum e ora con queste riforme costituzionale la partitocrazia (il governo dei partiti) porta avanti la trasformazione della nostra Repubblica in una Repubblica fondata sulle nomine! Se la stragrande maggioranza dei parlamentari verrà nominata dai partiti e non più eletta dal popolo a chi risponderanno i politici? Ai partiti, è ovvio! E oggi i partiti si sono trasformati in istituti finanziari privati di fatto sostenuti da lobbies varie. Quindi i parlamentari risponderanno alle lobbies che controllano i partiti che a loro volta li nominano. Per questo è passata la legge Fornero o il JobsAct! Va difesa la sovranità popolare, il controllo popolare della politica altrimenti sempre più porcate verranno approvate nelle stanze del potere. Per questo #IoDicoNo


P.S. Venerdì prossimo il #CostituzioneCoastToCoast sbarca in Sardegna. 
Venerdì 30 Settembre  alle 19.00 Cagliari in Piazza San Cosimo. 
Sabato 1 Ottobre  alle 11.00 Oristano in Piazza Roma e 
alle 21.00 Alghero in Piazza Pino Piras. 
Domenica 2 Ottobre  alle 16,30 
Arzachena in Piazza Risorgimento e 
alle 18.00  Olbia in Piazza Regina Margherita. 
Venite con noi!


venerdì 23 settembre 2016

#Italia5Stelle segui la Diretta Streaming di Fragole Mature il 24 e 25/09 Palermo




Il 24 e 25 Settembre Fragole Mature sarà in DIRETTA STREAMING da PALERMO condividi e informa












mercoledì 21 settembre 2016

Virginia Raggi: è da irresponsabili questa candidatura olimpica




VIDEO Conferenza Stampa - È da irresponsabili candidare Roma alle Olimpiadi 2024. Speculazione edilizia, affari per le lobby, impianti mai completati, strutture abbandonate, debiti e sacrifici per i cittadini. Siamo contrari a questa candidatura perché non vogliamo ipotecare il futuro dei romani e degli italiani in cambio dell’ennesima promessa da parte di chi finora non ha mai mantenuto la propria parola. Questo non è un NO alle Olimpiadi ma alla speculazione sulla pelle dei cittadini.

La pressione mediatica è fortissima. E credo che non si fermerà oggi. Ma noi abbiamo i cittadini con noi. Anzi, noi siamo cittadini. Si provi a chiedere ad un romano se è contento di quello che hanno lasciato gli ultimi mondiali di nuoto. Abbiamo sotto gli occhi cosa hanno lasciato gli ultimi “grandi eventi” che avrebbero dovuto risollevare il Paese: i cantieri incompiuti dei Mondiali di nuoto di Roma del 2009, le infrastrutture abbandonate dei Giochi invernali di Torino 2006, il fallimento di Expo Milano 2015, il flop dei Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009; la ricostruzione infinita dell’Aquila dopo il terremoto; la colata di cemento sull’isola La Maddalena in Sardegna che avrebbe dovuto ospitare il G8 del 2009. E i miliardi di euro di debito che gli italiani continuano a pagare mentre qualcuno si è arricchito alle loro spalle. Sembra incredibile ma da poco abbiamo terminato di pagare il mutuo per i Mondiali di calcio del 1990.



Ci è stato chiesto di rispettare una tregua olimpica. Lo abbiamo fatto per tutti i nostri atleti azzurri. Abbiamo resistito alle provocazioni e alle pressioni di questi mesi. Ci sono altri integralisti delle “olimpiadi del mattone” che, invece, non hanno rispettato né la tregua né gli azzurri paralimpici. Noi gli atleti vogliamo accoglierli a Roma non soltanto per 30 giorni, ma vogliamo creare una città con infrastrutture sportive in grado di accoglierli ogni giorno.

Abbiamo studiato bene il dossier Olimpiadi. Abbiamo visto cosa è accaduto ad Atene 2004: un grande sogno che si è trasformato in un incubo per tutti i greci messi ora in ginocchio da chi li aveva illusi. E a Londra 2012 non è andata meglio: spese cresciute del 76%. Peggio ancora a Sidney 2000: costi cresciuti del 90%. Per non parlare di Atlanta 1996: un incremento del 151%. Infine, c’è Montreal, dove si è raggiunta la vetta di un aumento del 720% rispetto al budget iniziale previsto. Non lo diciamo noi, ma uno studio dell’Università di Oxford del 2016. Mancano ancora i dati di Rio 2016: le immagini delle proteste in strada lasciano intendere cosa ne pensino i brasiliani. Ora ci dicono che noi stiamo rinunciando a centinaia di migliaia di posti di lavoro. Ma lo avevano promesso anche per l’Expo di Milano 2015 e per tante altri “eventi”. Non gli crediamo. Anzi, proprio nel loro dossier di candidatura leggiamo che i posti saranno poco meno di 10mila l’anno e temporanei e non 177mila come hanno provato a far credere.

L’organizzazione di un grande evento, come i Giochi, ci sembra un buon affare per le lobby. Siamo contrari ad una logica emergenziale o al ricorso alla straordinarietà della gestione pubblica. Roma e l’Italia hanno bisogno di una ordinaria buona gestione: senza sprechi, senza favori agli amici, senza privilegi per le varie caste. Abbiamo un progetto su Roma molto più ambizioso di quello presentato per ospitare i Giochi del 2024: restituire la città ai romani e agli italiani. Vogliamo riqualificare i servizi, ottimizzare le infrastrutture esistenti e progettare un futuro sostenibile nel quale nessuno resti indietro.

Chiedete ad un romano cosa pensa dello scempio dei Mondiali di nuoto del 2009. Chiedete ad un disabile che ogni giorno deve superare barriere architettoniche. Chiedete a chi porta i propri figli in scuole sprovviste di palestre o impianti che, peggio, cadono a pezzi. È meglio avere l’ennesima cattedrale nel deserto o investimenti mirati a migliorare la vita quotidiana di tutti?

Non siamo dei folli ma delle persone normali, dei cittadini. Questo tipo di valutazioni le hanno già fatte gli abitanti di Boston, Amburgo, Madrid: hanno rinunciato alla candidatura perché hanno altre priorità. Le nostre priorità sono quelle dei cittadini di Roma e degli italiani. Per questo continueremo ad impegnarci per far tornare Roma una città con una qualità della vita a livello delle principali capitali europee. Interverremo sugli impianti sportivi comunali della città con nuovi criteri di gestione e puntiamo a tariffe più accessibili per il loro utilizzo. E proveremo a rimediare anche agli errori degli altri: vogliamo trasformare i cantieri fatiscenti e incompiuti della Città dello Sport in una “vela della conoscenza” grazie ad un accordo che stiamo per siglare con l’Università di Tor Vergata.


(Virginia Raggi Sindaca M5S Roma)

sabato 17 settembre 2016

Tre Consiglieri Comunali delle Marche in Moto fino a Palermo per Italia 5 Stelle




Fabio Banini, Enrico Bacchini e Marco D'Orazio del Comune 5 Stelle di MONTELABBATE sono i tre consiglieri comunali M5S delle MARCHE che raggiungeranno PALERMO per la manifestazione Nazionale di Italia 5 Stelle.
Cercando di toccare il numero maggiore di COMUNI 5 STELLE del tragitto, partendo da MONTELABBATE passando per CATTOLICA, FOSSOMBRONE, CASTELFIDARDO, ROMA ed altri Comuni che vi aggiorneremo nei prossimi giorni qui nel BLOG dove potrete seguire tutte le DIRETTE STREAMING delle tappe.
Nel nostro viaggio raccoglieremo piccole donazioni da devolvere ai Comuni terremotati quindi se volete contribuire anche voi contattateci 

QUI http://bit.ly/2cwLU5u 
lasciando un messaggio e se volete potete fare un po di strada con noi 

VI aspettiamo !!!
PROGRAMMA


GIOVEDI' 22 SETTEMBRE  


ore 8,00    MONTELABBATE
ore 9,00    CATTOLICA
ore 10,30  FOSSOMBRONE
ore 13,00  CASTELFIDARDO



5 giorni a 5 stelle 16 Settembre 2016




Dopo oltre un mese di pausa dei lavori riprende finalmente l'attività parlamentare e ritorna quindi anche il nostro appuntamento settimanale con 5giornia5stelle. Dieci minuti di servizi che rendicontano alcune tra le più importanti iniziative dei portavoce del M5S in parlamento, Bruxelles e sui territori.
Cominciamo dalla legge sull'editoria, discussa al Senato. Il M5S porta a casa una vittoria importante: il tetto agli stipendi in RAI.
Una proposta che viene da lontano e che è stata poi copiata e votata dal Partito Democratico. Alberto Airola spiega con rabbia le ragioni dei cittadini che si sentono presi in giro da chi per anni ha votato NO alla medesima proposta ed ora cambia parere e se la intesta come fosse propria. Torneremo in un secondo momento sullo stesso provvedimento sul quale arriva invece il NO dei nostri portavoce motivato da Nicola Morra.




Ci spostiamo a Montecitorio dove nel corso di una conferenza stampa il Movimento 5 Stelle ha presentato 10 proposte per aiutare i cittadini vittime del recente terremoto. Luigi Di Maio e Laura Castelli tendono la mano al governo per uscire da una impasse malcelata dai soliti slogan di Palazzo Chigi.
Sempre alla Camera, Matteo Dall'Osso e Davide Tripiedi mostrano i limiti di una riforma, il Jobs Act, che si dimostra di giorno in giorno più deleteria. Sul Jobs Act ci informa anche Rosa D'Amato da Bruxelles. Il Parlamento Europeo ha approvato un documento che condanna le imposizioni fatte agli stati membri in temi di occupazione dal Consiglio dell'Unione Europea. Ora spetta ai membri del Consiglio cambiare strada ed il M5S aspetta al varco Renzi e la Merkel.
Sempre da Bruxelles Rosa D'Amato ci informa di nuovi fondi europei stanziati per le piccole e medie imprese. Mentre Ignazio Corrao ci informa di una vittoria del M5S: il Parlamento Europeo ha infatti approvato la nostra relazione e previsto uno stanziamento di 1,8 miliardi di euro sul fondo fiduciario per l'Africa: "Gli africani scappano dalle bombe, in cerca di casa, istruzione, salute e servizi pubblici, dobbiamo lavorare finché non abbiano più paura di vivere a casa loro e per costruire una Europa senza sbarchi e senza muri".
E con questa spirito di speranza che ci unisce vi diamo appuntamento alla prossima settimana per una nuova puntata di 5giornia5stelle.

giovedì 15 settembre 2016

Beppe Grillo: il Movimento ha un programma da realizzare su Roma




Virginia Raggi è il sindaco di Roma votata da 770.564 cittadini per realizzare il programma del MoVimento 5 Stelle e ha tutta la mia fiducia.
Tutto il MoVimento 5 Stelle la sostiene affinchè vada avanti e porti a compimento il programma per cui è stata votata dai romani. Punto.
Il MoVimento porta avanti e sostiene delle idee, non delle opinioni.
La battaglia per rimettere il volere dei romani al centro delle scelte dell'amministrazione cittadina è durissima, gli interessi che andiamo a toccare sono enormi ma continueremo a farlo, consci dei rischi che corriamo, nel nome del bene comune. Per vincerla ci vorranno anni e l'impegno e la solidarietà di tutti i portavoce, gli iscritti, gli attivisti, i simpatizzanti e di tutti i cittadini di buona volontà. Uniti, con Virginia sindaco e i nostri principi come guida, faremo di Roma la più bella capitale del mondo. E' un sogno, che come gli altri che ci hanno portato fino a qui, si realizzerà. Uniti, umili e al servizio dei cittadini.


(Beppe Grillo)

martedì 13 settembre 2016

Continua il TOUR di Alessandro Di Battista (M5S) per Italia 5 Stelle a PALERMO




Per me la battaglia delle battaglie è quella sul referendum. Tutta l'estate mi sono concentrato su questo e continuerò a farlo. E' in gioco la nostra sovranità e la perdita di sovranità ha prodotto i guai del sistema sanitario e del sistema scolastico. La perdita di sovranità politica (lasciare ai partiti la scelta dei parlamentari) ha prodotto un Parlamento di nominati che risponde ai partiti e non al popolo italiano. Quindi si torna in piazza. 
Il Costituzione Coast To Coast infatti sbarca in Sicilia. Venerdì 23 settembre sarò a Siracusa. Poi sabato 24 mattina si parte da Siracusa tutti insieme (macchine, moto e motorini), faremo tappa a Catania, Enna e Termini Imerese per “raccogliere” motociclisti e andare a Palermo per Italia 5 Stelle. 
Venite con me. 
Vi aspetto nelle piazze e sulle strade siciliane. Io Dico No
Non mancate!

(Alessandro Di Battista M5S)

Sabato 17 Settembre 
ore 16,00  Catania in Piazza Università 

Venerdì 23 Settembre 
ore 21,00  Siracusa Piazza Santa Lucia 

Sabato 24 Settembre 
ore 9,00  Siracusa Piazza San Giovanni alle catacombe 
ore 11,00  A19 Palermo - Catania Km.189
             area servizio gelso bianco nord
ore 13,00  Enna Piazza Umberto l
ore 16,00  Termini Imerese 
             Belvedere Principe di Piemonte







lunedì 5 settembre 2016

Commissione Rifiuti, audizione Virginia Raggi e Paola Muraro (VIDEO)






Lunedì 5 settembre la Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, ha svolto l'audizione della sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, e dell'assessora alla sostenibilità ambientale, Paola Muraro, in merito alla situazione dei rifiuti nella capitale e al ruolo precedente ruolo dell'assessora nell'azienda AMA Roma Spa.

Nel video un breve riassunto della prima parte dell'audizione.


giovedì 1 settembre 2016

I dati ISTAT non combaciano con le Slide di Matteo Renzi




I dati sulla disoccupazione in Italia diffusi oggi dall'Istat sono un bollettino di guerra!
1) Solo a luglio abbiamo perso 68 mila posti di lavoro indipendenti (una strage di professionisti e imprenditori: l'Italia riparte? Certo!)
2) Aumentano quelli che perdono le speranze di trovare un'occupazione +53 mila (ma saranno sicuramente dei gufi)
3) 51 mila donne hanno perso il loro impiego e altre 52 mila hanno perso le speranze di trovarne uno (attendiamo una dichiarazione della Presidente Boldrini)
4) Negli ultimi 12 mesi abbiamo perso 135 mila posti di lavoro tra i cittadini con meno di 50 anni e la disoccupazione giovanile sfiora di nuovo il 40% (la riforma Fornero miete altre vittime)




Il Governo Renzi ha sperperato oltre 10 miliardi di euro per l'inutile quanto pericoloso Jobs Act. Li poteva investire in sicurezza degli edifici, quello si che avrebbe creato lavoro, ma soprattutto salva le vite. E' ridicolo parlare di "Casa Italia" dopo i terremoti. Prima si sperperano miliardi di euro in Leggi che piacciono solo alla Germania e alla Banca Centrale Europea, e poi si annunciano piani antisismici che non hanno coperture economiche proprio perché a Bruxelles non ci permettono di fare investimenti a debito.
In un Paese democratico, dopo questi dati, il GOVERNO SI SAREBBE GIÀ DIMESSO.

Luigi Di Maio (M5S)

Virginia Raggi (M5S) Roma e la trasparenza del Movimento




Trasparenza. È uno dei valori che ci contraddistingue e che perseguiamo. Per questo motivo abbiamo deciso di chiedere un parere all'ANAC, l'Autorità Nazionale Anticorruzione, su tutte le nomine fatte finora dalla Giunta. Una richiesta per garantire il massimo della trasparenza: il "palazzo" deve essere di vetro, tutti i cittadini devono poter vedere cosa accade dentro. Questo è il M5S.
Sulla base di due pareri contrastanti, ci siamo rivolti all'ANAC che, esaminate le carte, ha dichiarato che la nomina della Dott.ssa Carla Romana Raineri a Capo di Gabinetto va rivista in quanto "la corretta fonte normativa a cui fare riferimento è l'articolo 90 TUEL" e "l'applicazione, al caso di specie, dell'articolo 110 TUEL è da ritenersi impropria". Ne prendiamo atto.
Arrivano anche le dimissioni dell'assessore al bilancio Marcello Minenna che nelle prossime ore renderà pubbliche le sue motivazioni.

Conseguentemente, sarà predisposta l'ordinanza di revoca.
(Virginia Raggi Sindaco M5S di Roma)