martedì 24 febbraio 2015

Le pagliacciate di RENZI, quando le consultazioni si fanno CENSURA


Le ridicole kermesse del PD sarebbero esilaranti se non fossero pericolosamente permeate da quell'ideologia della scuola-azienda che il PD ha sempre finto di rigettare e che ora intende propinare con le riforme sulla scuola.
Le contestazioni dei docenti che hanno tentato inutilmente di intervenire oggi durante l'ennesimo show di Matteo Renzi, hanno suscitato l'indegna reazione autoritaria del premier: "abbiamo ascoltato tutti, ora si va avanti e decidiamo noi".
Vedremo se e come andrete avanti.
Farete come avete fatto con il Jobs Act, svendendo i diritti dei lavoratori in cambio di una fallimentare ideologia iper-liberista senza uno straccio di visione del futuro?
Cosa farete con la scuola?
Parole d'ordine: privatizzazione e distorsione meritocratica.
Siete dei vergognosi burocrati senza alcuna esperienza nel campo della formazione e dell'educazione.
Non comprendete l'enorme rischio di far sì che i docenti, che dovrebbero cooperare in sinergia per il buon andamento delle classi, siano messi gli uni contro gli altri in una competizione feroce all'ultimo credito, utile a ottenere quei miseri 20€ in più in busta paga ogni tre anni.
Non capite che il docente non può essere giudicato in termini di produttività perché fa un mestiere diverso da qualunque altro?
Gli insegnanti formano le menti e le coscienze dei cittadini di domani.
Non capite che i vostri assurdi parametri di merito imposti, anch'essi, dalla troika e dal mondo del profitto di cui siete figli, allargheranno sempre di più la forbice tra scuole di serie A e scuole di serie B?
Il sapere ridotto a merce, gli studenti come clienti a cui offrire un prodotto, i docenti come dipendenti di un'azienda, premiati sulla base della produttività e degli esiti degli aridi e nozionistici test INVALSI.
Questa è la società che volete costruire, anche con la possibilità per gli allievi di "scegliere il proprio curriculum e le materie". 
Il ragazzo più debole sarà sempre più debole e andrà in scuole peggiori, il più dotato (anche economicamente) sarà più preparato e andrà nelle scuole migliori. Seguito da quei professori "migliori" che formeranno la classe dirigente del Paese.
Gli altri professori li lascerete agli alunni meno bravi, a quelli che non potranno permettersi di pagare per la propria formazione.
Ridurrete la Costituzione a carta straccia, frapporrete ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediranno il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
La Scuola Buona esiste già ed è di tutti. 
Non ha bisogno che voi del PD la distruggiate, portando a compimento i disegni più beceri mai riusciti ai governi di Centro destra, privatizzando la scuola e rendendola un'azienda da valutare in termini di profitto.
Tutti i ragazzi devono avere le stesse opportunità e il mondo della scuola, seppur imbonito dal ricatto dalle assunzioni, si rivolterà contro il vostro progetto di distruzione e, soprattutto, contro la vostra enorme hybris.