venerdì 8 agosto 2014

EBOLA dichiarato oggi lo stato di emergenza sanitaria mondiale


L`Organizzazione Mondiale della Sanita` ha oggi elevato il grado di allarme allo step superiore. E` inevitabile la diffusione del virus fuori dall`Africa, negli altri Paesi del mondo. Gli Stati sono invitati quindi a preparasi ai casi del virus.

Per adesso ancora nessuna restrizione sui voli e sui viaggi, anche se si avvisa che qualunque contatto diretto con un fluido corporare di un infetto di Ebola puo` causare il contagio e tutti i passeggeri mostranti anche minimi sintomi (quali:febbre) dovranno essere fermati ed analizzati

In Africa, dove non esistono strutture sanitarie adeguate e la cultura e` spesso quella di evitare gli ospedali, si sta realizzando quello che immaginavo, secondo le procedure previste per i casi di emergenze incontrollabili : la diffusione del virus NON e` piu` controllabile, ed e` sceso in campo l`esercito ( o simili forze armate) con blocchi stradali per chiudere le frontiere (in Liberia - dove l`Ebola e` diffusa in 8 delle 15 contee - e Sierra Leone) ed impedire qualunque passaggio di persone.
I cadaveri vengono abbandonati in strada.
Dopo le infezioni, molti medici fuggono per evitare di ammalarsi.
L`agitazione della popolazione e` in aumento.

Quello che si rischia e` un`escalation del panico, con una fuga di massa verso altri Paesi africani, e una successiva escalation del virus a livello mondiale.

Per quanto riguarda il siero anti ebola (il Zmapp, che costa migliaia di euro), che gli Stati Africani hanno chiesto, Obama ha dichiarato come manchino informazioni per approvarne l`uso, e come il suo invio in Africa sia prematuro. L`Ebola può - allo stato attuale - quindi essere controllato solo con cordoni sanitari.